Il cuore del lavoro è la pasta madre

“La mia avventura è cominciata nell'85 - ci racconta Roberto - quando sono diventato vegetariano e ho eliminato anche quelle poche medicine che prendevo, nel senso che se mi ammalavo un inverno ho provato a lasciare che la febbre andasse via da sola e ho visto che poi stavo bene e da quel momento lì... Continue Reading →

Abbiamo ripreso con quello che c’è

“ Purtroppo l’8 settembre – ci dice Jole - abbiamo avuto una terribile grandinata. Adesso abbiamo il sedano rapa, le barbabietole, il cavolo rapa, i porri. Togliamo un po' per volta. È roba che è sotto terra e che non ha patito molto. I cavoli son come possono, dipende dai prodotti, dallo stato di maturazione... Continue Reading →

Non usiamo mai alcun tipo di trattamento

"Annata produttivamente pessima per pomodori e patate - dice Patrizia. Ottima per cipolle: i nostri terreni sono particolarmente favorevoli alla coltivazione delle liliacee. Annata media per il resto. Buona per fragole e mirtilli. Diventa sempre più difficile ottenere un bio come lo intendiamo noi: assolutamente pulito e che non corregge ciò che la natura fa,... Continue Reading →

Marta al pascolo, aiutata dai suoi cani

“Quest'anno è andata bene, abbiamo avuto un momento di preoccupazione per la siccità, perché è piovuto ovunque in valle tranne a Sambuco, le nuvole ci giravano attorno. Poi questo è un posto che secca velocemente, c'è sempre vento. È piovuto poi la settimana scorsa. Le capre hanno avuto abbondantemente da mangiare. È stata una lattazione... Continue Reading →

Peperoni Topepo

“È una varietà di peperone particolare- spiega Claudio - , che produce molti frutti di piccola pezzatura. È croccante, carnoso, adatto a tutti gli usi. È un peperone a tutti gli effetti, semplicemente più piccolo. Ce ne sono rossi e gialli. Ho scelto di mettere questa varietà perché, nonostante possa essere attaccata dalla piralide, produce... Continue Reading →

Il riso che cambia colore

“Adesso è il momento della maturazione – ci dice Maddalena - per cui prima c'è la foglia verde, poi viene fuori la botticella quando viene fuori la spiga, che è ancora tutta morbida, poi la granella diventa dura e poi da verde diventa dorata e matura. Quindi c'è questo passaggio che poi dipende molto dalla... Continue Reading →

Come va il pascolo?

“Le nostre capre”- racconta Marta - “ possono alimentarsi su pascoli fra i 1200 e i 1800 metri di altezza dal mese di maggio fino alle nevicate, solitamente a fine ottobre. Se la neve si scioglie è possibile tornare a pascolare  anche nei mesi di novembre e dicembre. Questo tipo di vita fa si che... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑